Come pulire il materasso dalla pipì

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Tra le macchie più difficili da eliminare sul materasso c'è sicuramente quella della pipì dei bambini. Senza dubbio almeno una volta nella sua vita ogni donna si è ritrovata a dover rimediare a questo inconveniente che non consiste soltanto nell'alone che si forma sul materasso, ma anche nel cattivo odore che potrebbe emanare per parecchi giorni, se non si interviene rapidamente e con le tecniche e i prodotti idonei.


La prima soluzione per evitare che il bambino bagni il materasso è di mettere un copri materasso che abbia la parte inferiore in plastica, in modo che la pipì non arrivi sul materasso. Nel caso in cui questo non basti o ci si è dimenticati di metterlo, pulire il materasso dalla pipì sarà molto semplice.
Immediatamente bisogna cercare di asciugare, quanto più è possibile, il materasso con della carta assorbente.


Per la pulizia vera e propria la soluzione più efficace è quella di utilizzare ammoniaca, meglio se profumata, versandola direttamente su un panno morbido e umido per poi strofinare la parte bagnata del materasso. In alternativa, basterà travasare l'ammoniaca in una bottiglietta con un erogatore spray e spruzzarla direttamente sulla macchia e in seguito strofinare ugualmente con un panno umido.

Una volta che il materasso è stato ben pulito con l'ammoniaca, bisognerà tamponare la zona con un altro panno asciutto e lasciare asciugare il materasso per buona parte della giornata con la finestra aperta, se non si ha la possibilità di metterlo al sole. Nel caso sia una giornata piovosa o particolarmente umida che rischia di non far asciugare il materasso, si potrà asciugare direttamente con il phon.


In alternativa all'ammoniaca, si può utilizzare anche una soluzione di acqua e bicarbonato da versare su una spugna per poi poter strofinare il materasso. Dopo questa operazione va sempre asciugato come spiegato precedentemente. Il bicarbonato oltre a pulire, è anche un ottimo disinfettante. Un'altra buona alternativa all'ammoniaca o al bicarbonato è l'acqua ossigenata.

Va imbevuto un batuffolo di cotone di acqua ossigenata e va messo ad agire per qualche minuto sulla parte macchiata del materasso, poi va sempre strofinato con un panno inumidito di acqua calda e va fatto asciugare all'aperto o con l'aiuto dell'asciugacapelli.
Per utilizzare sempre dei prodotti naturali, si può optare anche per una miscela di aceto e limone, diluita in poca acqua fredda e procedendo sempre con l'ausilio di un panno morbido per strofinare e una buona asciugatura.


Nel caso in cui la macchia dovesse ancora persistere o si ha l'impressione che l'odore di pipì non è andato via completamente, si possono utilizzare dei prodotti appositi che si trovano in commercio.

Si può anche versare sulla macchia di pipì qualche goccia di detersivo per la lavatrice, strofinare con una spazzola, lasciare agire per qualche minuto e poi sciacquare con un panno inumidito con acqua tiepida.

Se non si è soddisfatte del primo trattamento, si può ripetere l'operazione più volte.


In qualsiasi modo si decida di pulire il materasso dalla pipì del bambino, si consiglia prima di rimettere le lenzuola, di passare l'aspirapolvere su tutta la superficie del materasso in modo che si eviti che si annidino polveri e acari che possono provocare reazioni allergiche. L'aspirapolvere a vapore, garantisce una pulizia più profonda ed efficace.


Banner call to action Secilflex

Parla ora con un esperto del riposo

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Il nostro esperto del riposo ti ricontatterà gratuitamente e senza impegno per una consulenza personalizzata sul dormire bene.

Categorie Corporate News